Crypto.com, il Coinbase della prossima BULL RUN?

Crypto.com, il Coinbase della prossima BULL RUN?

By Pappura | Invest With Crypto | 3 Jul 2020


L'halving della reward su Bitcoin è avvenuto e ciò porterà l'asset ad essere simile all'oro come rapporto stock-to-flow, rafforzandone la visione di molti come riserva di valore digitale.

Non è però sempre stato così, infatti in passato è stata vista come moneta alternativa al classico soldo di tutti i giorni dati i costi di transazione relativamente bassi, piuttosto che come valuta "nascosta" per comprare sul mercato nero, o come semplice idea e concetto di database condiviso e decentralizzato. Insomma, è sempre cambiato pur rimanendo sempre lo stesso.

Questo avviene sia per ragioni programmate come appunto l'halving, che pur essendo noto a priori va a cambiare alcuni meccanismi nel momento del suo effettivo avvento, sia perchè come ogni cosa del nostro mondo, è soggetto all'interpretazione, alle idee e alle conoscenze della persona che lo vive, e che quindi ne farà differire la percezione in ognuno. Infatti inizialmente gli unici utilizzatori di Bitcoin erano persone con un'ampia conoscenza nell'ambito informatico, e che quindi erano soggetti ad alcuni bias cognitivi piuttosto che ad altri.

Per fare un esempio prendiamo un semplice pezzo di legno, per qualcuno potrebbe rappresentare della semplice materia prima, per qualcun altro una tavolozza per un dipinto, altri magari lo potrebbero vedere come un semplice piano per un tavolo, ed altri ancora non saprebbero nemmeno che farci. Ebbene, tutta questa diversità è ciò che muove e fa evolvere la nostra società ma è anche la nostra Proof of work per l'accettazione di certi cambiamenti come società per l'appunto. Se quindi ogni idea può moltiplicarsi in mille modi, è vero che in molti assimileranno il tutto, magari innovando a loro volta con nuove idee derivate da questa, ma è anche vero che molti altri, a causa di bias mentali differenti, non riusciranno a comprendere le potenzialità della nuova idea, non è però detto che ciò non avvenga più avanti con lo svilupparsi di nuove capacità critiche del soggetto in questione, magari tramite una visione lateralizzata dell'idea precedente, o grazie all'aggiunta di un'altra idea che si combina e accende la lampadina nell'individuo in questione.

Ma perchè sto dicendo tutto questo e cosa c'entra col titolo del post? Ebbene, perchè tutto questo accada, Bitcoin o chi che sia da solo non basta, questo perchè sarebbe come internet senza motori di ricerca o senza la connettività wireless, esisteva e può esistere lo stesso anche se venisse privato di queste cose, ma da solo non sarebbe riuscito a diffondersi come ha fatto, serviva altro per riuscire a raggiungere la maggioranza del pubblico.

Ed è qui che entrano in gioco le piattaforme come quelle citate nel titolo. Loro sono come dei mediatori e facilitatori, fanno il lavoro enunciato prima, ovvero operano come degli enzimi che facilitano l'usabilità e di riflesso la connessione dell'idea iniziale con i bias cognitivi più disparati e facendo ciò creano la possibilità di espandere l'idea ancor di più, poichè utilizzabile in molti più modi e da molte più individualità diverse.

Sarebbe infatti difficile immaginare che la bull run del 2017 sarebbe avvenuta senza la presenza di un facilitatore come Coinbase che cominciava a rendere possibile l'acquisto anche ai meno avvezzi. All'epoca infatti era uno dei pochi, se non l'unico, dei servizi legati all'acquisto di cryptovalute direttamente tramite carta, ed è stato talmente importante che ha anche avuto dei disservizi dovuti proprio alla mole di nuove iscrizioni in quel periodo. Fatto sta però che grazie a Coinbase un pubblico molto più ampio è stato in grado di entrare nel mondo crypto anche se privo di alcune conoscenze come il saper gestire una chiave privata ad esempio.

 

Arriviamo ora a Crypto.com.

 

92804857a56c8474fb4608f6f33d92586f3d34da446f57e8e1758390a583148d.jpeg

 

Questa piattaforma è nata diversi anni fa, inizialmente come 'Monaco Technologies GmbH', iniziando con la produzione delle carte Visa MCO, che ora sono uno dei punti caratteristici del brand stesso, per essere poi rebrandizzata nel 2018 sotto il nome che conosciamo oggi e con la creazione della blockchain CRO che punta proprio alla diffusione su larga scala delle cryptovalute creando un ecosistema per i pagamenti.

Ma oltre ai vantaggi che ci può offrire la carta o ai dettagli tecnici della costruzione della blockchain stessa, il motivo per cui credo che possa dare un grande apporto alla crescita dell'adozione delle crypto è dato dal fatto che quello che stanno creando è un vero e proprio ecosistema che diventa "vivibile" per una molteplicità di individualità diverse.

C'è l'exchange dove possiamo scambiare tra le varie coppie di monete listate e che potrebbe interessare chi è abbastanza avvezzo al trading visto la necessità di interagire con i meccanismi di un order book ecc., ma c'è anche la possibilità di scambiarle dal nostro crypto wallet (custodial) contenuto nell'app, dove è anche possibile andarle ad acquistare direttamente tramite carta o in generale tramite FIAT depositate in precedenza sempre in app, rendendolo così appetibile anche ai non avvezzi. Sempre all'interno dell'app è anche possibile farsi creare in automatico un portafoglio crypto diversificato, questo magari per chi è interessato ad investire sul mercato delle cryptovalute più in generale senza doversi creare da solo un portafoglio ma depositando la cifra desiderata e scegliendo il profilo di rischio. Per chi è interessato all'avere una rendita passiva derivante dai propri asset c'è la possibilità di bloccare in staking diverse valute per le quali ci pagheranno poi degli interessi ogni settimana, anche questo sempre sulla stessa app, che vanta tra l'altro un'ottima esperienza utente. Inoltre da poco è stato anche rilasciato un wallet, in questo caso non-custodial e di cui avremmo dunque noi la chiave privata e dunque l'effettivo possesso, ma anche responsabilità, delle nostre monete. Tutto questo interconnesso in un grande ecosistema che ci consente di passare da una possibilità o anche piattaforma (exchange - app - wallet) all'altra con grande velocità e facilità.

Tutto questo porta ad avere diversi punti di attacco per diverse esigenze o mentalità, aumentando dunque il numero di possibili interessati ad uno qualsiasi dei prodotti e rendendo più semplice e quindi anche probabile il passaggio all'uso di un ulteriore prodotto non considerato inizialmente.

Per questo motivo credo che durante la prossima bull run la piattaforma di Crypto.com possa avere un'adozione massiccia come è stato per Coinbase durante la precedente, anche perchè l'azienda spinge molto sul marketing con manovre come il 'The Syndicate' dove ogni due settimane mettono in saldo una moneta prima di essere listata sull'exchange o come l'azzeramento delle fee sull'acquisto tramite carta in app durante questo periodo di lockdown.

In conclusione penso che Crypto.com stia aiutando a gettare le basi per un'adozione di massa delle cryptovalute, fornendo i mezzi per poterle utilizzare al meglio e semplificandone l'uso per i meno addicted.

 

https://platinum.crypto.com/r/smf9mwuzy7 (Referral link da cui non guadagno a meno che non sblocchiate anche voi il vostro premio di 50$, cosa non necessaria per utilizzare l'ecosistema ma solo per sbloccare le carte dal secondo livello in su.)


Pappura
Pappura

Hi! I'm a media engineering student and I love to discover new things, learn how do they work, why that way, and most importantly, why they exist. Anything happen for nothing, everything could happen.


Invest With Crypto
Invest With Crypto

Here you can find posts of my investments, method, tips, and tests of platforms seeing if they are legit or scam.

Send a $0.01 microtip in crypto to the author, and earn yourself as you read!

20% to author / 80% to me.
We pay the tips from our rewards pool.