chessboard mystery

Il bibliotecario francese: cap. XXXIII parte seconda


Augustus Lafayette continuò:-Chissà perché proprio una laurea in ambito sanitario. Forse per il particolare prestigio che conferisce. Di sicuro il buon papà pensava che la figlioletta non ne avrebbe mai fatto uso, ma spesso la vita ci sorprende e in questo caso spiacevolmente, perché a pagare lo scotto della mala sanità sono gli ignari pazienti. Per il resto, la ragazza conosce bene le lingue a causa della famiglia poliglotta e alberghiera. Coincidenza sfortunata che ha fatto sì che venisse accettata come volontaria per l'Arcoiris. Ma non si è neppure mai interessata alla gestione dell'hotel di famiglia, che un giorno, in quanto unica erede, sarebbe stato completamente suo. Comunque le circostanze non vollero che si trasformasse in una pessima ostessa, dato che la sua famiglia ha perso tutto a seguito dell'ennesimo terremoto che ha colpito la regione. Qualche tempo prima di quell'immane tragedia ti trovavi ad Haiti per una lunga vacanza e soggiornavi nel miglior hotel di tutto il paese. Ti eri appena specializzato in medicina interna, e i tuoi genitori, felici e orgogliosi, avevano pensato di farti un bel regalo, consono alle condizioni elevate della vostra famiglia. Eri anche reduce da parecchie vittorie in campo sportivo, ti eri guadagnato medaglie e trofei praticando il tennis, l'equitazione e quant'altro da ricchi sfondati!- sottolineò Lafayette. -E non ultimo, anche gli scacchi, ottenendo il titolo di Maestro Fide. Se oggi non sei Grande Maestro Internazionale si deve al fatto che i tuoi ultimi anni sono stati alquanto turbolenti. Ti è mancato il tempo di viaggiare all'estero per partecipare ai tornei internazionali e guadagnarti ulteriori titoli. Ciononostante hai continuato ad allenarti, hai amici tra i migliori giocatori del mondo. E ora saresti a tanto così dal battere un Grande Maestro Internazionale indiscusso, ma Podger è più esperto di te...però, torniamo a noi. Durante la vacanza-regalo hai conosciuto la bellissima figlia del proprietario dell'hotel e te ne sei perdutamente innamorato, pur sapendo che la conturbante fanciulla puntava esclusivamente a un matrimonio finanziariamente vantaggioso che le avrebbe permesso di portare avanti un'esistenza spendereccia, all'insegna dell'ozio e della frivolezza. Un genere di vita che i suoi genitori, per quanto benestanti, non potevano accordarle nella misura da lei pretesa. Quell'oca vuole a tutti i costi la vita all'insegna del lusso sfrenato tipica dell'upper class californiana. Aveva capito che tu provieni da una famiglia americana elitaria e prestigiosa, dopotutto chi di questi tempi può permettersi una permanenza di un mese in un hotel a cinque stelle nella suite presidenziale? Dunque è stata ben felice di accettarti e tu, pur conoscendo le sue vere ambizioni, non te ne crucciasti. Pensi che non ci sia nulla di male se la ragazza di cui sei perdutamente innamorato dà uno sguardo al tuo portafoglio prima che al tuo cuore e al tuo intelletto. Così va il mondo, non è vero? Tornato in America, avresti subito voluto organizzare il matrimonio, ma, si sa, quel famoso detto di secoli addietro che proclamava pretenziosamente che sposi il tuo partner ma non la sua famiglia altro non è se non la penultima follia del capitalismo liberale. L'ultima è meglio se la tralascio. Così dunque, a casa tua come in quella di ogni straricco americano, forse anche meno straricco di te, la futura sposa deve godere dell'approvazione del parentado. Tu non potevi organizzare un matrimonio in pompa magna come la futura sposa si sarebbe aspettata, senza l'aiuto dei tuoi, dato che il tuo conto personale non era certo paragonabile al loro patrimonio. Eri solo all'inizio di una brillante carriera. Per farla breve, l'incontro della tua fidanzata con la tua famiglia fu un vero disastro e pur non essendovi lasciati, lei se ne tornò ad Haiti. Anche se i genitori di Malinka erano tutt'altro che indigenti, non potevano certo paragonarsi a voi per ricchezze e prestigio. Ma quel che più colpì negativamente alcuni dei tuoi parenti fu il di trovarsi di fronte a una ragazza vuota, arrivista, cacciatrice di dote e dal quoziente intellettivo di una gallina. A distanza di qualche mese il famigerato terremoto si portò via lo splendido hotel haitiano e i proprietari diventarono all'improvviso disoccupati e nullatenenti. I tuoi genitori e tuo fratello maggiore sono arroganti e altezzosi e se qualche tempo prima avevano storto il naso, figuriamoci allora! Ma altri familiari avrebbero fatto un'eccezione, se quantomeno la ragazza avesse brillato nel firmamento per particolari doti intellettuali e ti avesse amato quanto tu ami lei. Sai, la storia insegna che a volte un gran cervello vale molto più dell'oro. Dunque, se l'avessi sposata i tuoi genitori ti avrebbero escluso dal loro patrimonio e dalle loro alte sfere. Praticamente da quanto desidera a tutt'ora la tua fidanzata. Sposarla senza la benedizione familiare sarebbe stato possibile soltanto se Malinka si fosse accontentata della vita che avresti potuto offrirle con il tuo stipendio, peraltro alquanto cospicuo. Avreste potuto iniziare una vita comoda, ma per lei non era sufficiente. Comunque, alla notizia del terremoto sei corso ad Haiti dalla tua bella. Gesto nobile che ti ha fatto onore, sul punto sono molto serio. Li hai ritrovati e li hai portati in California. Gli hai preso in affitto un appartamento e con la tua influenza di un McCallister hai trovato lavoro a mamma e papà come receptionist in un grande hotel di Malibu Beach, impiego oramai da secoli fuori dalla portata di comuni mortali privi di conoscenze influenti. Perfino in un paese come gli States. Nel frattempo convincesti Malinka che insieme a te avrebbe potuto avere la vita lussuosa desiderata anche senza contare sul patrimonio dei tuoi. Bastava che vi trasferiste e vi sposaste in una meravigliosa isola dell'Atlantico, dove l'economia stava fiorendo come un campo di tulipani in Olanda mentre il dollaro americano acquisiva sempre più valore. Ma per rilasciare il visto di permanenza, Estrella del Sur esige due requisiti, anzi tre: esercitare una professione nell'ambito sanitario, sei mesi di volontariato in un paese fortemente disagiato e possedere almeno l'equivalente di cinquemila dollari americani. E ora avete uno dei titoli richiesti per entrare nell'isola felice, state per ottenere il secondo, ma vi manca il terzo, il denaro necessario. Per forza: la tua ragazza e la sua bella famigliola sono nel bel numero dei classici parassiti sociali e tu li stai campando nonostante siano perfettemente in grado mantenersi da sé. Quindi neanche il tuo generoso stipendio ti ha permesso di mettere da parte diecimila dollari. La vita a Malibu costa cara e l'allegra famigliola che si fa campare non bada a spese. Il tuo conto è perennemente a secco, dato che squagliano velocemente sia il loro stipendio che il tuo. Nel frattempo la tua ragazza è stanca di aspettare. Dopotutto, per una bellezza esotica come lei altri pretendenti ricchi potrebbero farsi avanti. Come ad esempio il figlio del magnate del petrolio che giocava con te a golf nel vostro ristretto circolo elitario. Lo scandaloso Musa McDowell, sì, proprio lui, quello che non consideri esattamente un amico, ma che le convenienze sociali ti hanno imposto di frequentare, pur di quando in quando. Senza però lasciarti mai coinvolgere nelle sue sregolatezze, te lo riconosco, questo è un punto a tuo favore. McDowell aveva notato Malinka sin da quando aveva messo piede in California. E non fosse stato per la perspicace madre di lei, a quest'ora l'avresti già persa. Già, la buona donna l'aveva debitamente avvertita che per quel mascalzone, già divorziato unicamente perchè stufo della vita in famiglia, sarebbe stata solamente un'avventura, un passatempo passeggero, mentre tu l'ami davvero, nonostante certi suoi difetti sui quali non tutti gli uomini sorvolerebbero. Mammina ripeteva che il matrimonio con te rimane vantaggioso e tu non vuoi che Malinka ti lasci, a nessun costo. Per questo hai scelto Habanita per il vostro periodo di volontariato. Perché, guarda caso, il torneo internazionale di scacchi più prossimo si svolgerà proprio a La Floresta. E il montepremi corrisponde esattamente alla cifra di cui avete bisogno per iniziare la vostra nuova vita a Estrella del Sur. Ma qui è sorto un piccolo problema, che è andato trasformandosi in una vera spina nel fianco. All'arrivo in questo posto, eri certo che avresti vinto l'agognato torneo senza ombra di dubbio. Nessuno dei tuoi avversari ti aveva mai superato a scacchi, nessuno. Ma si sa, la vita ci gioca gli scherzi più disparati quando meno lo vorremmo. Per una volta hai incontrato un avversario in grado di batterti. Anzi due. Sapevo che saresti venuto a pregarmi in ginocchio di insegnarti a vincere con Podger. Questo era il mio proposito nel giocare con voi. Perché tu, ragazzo, hai qualcosa che mi interessa e io ti garantirò il primo posto al tuo torneo soltanto se me la darai.

 

How do you rate this article?


2

0

PousinhaDosPous
PousinhaDosPous

languages teacher, translator and writer


XXVIsecolosigloXXVI
XXVIsecolosigloXXVI

Questo titolo è dovuto al fatto che i miei e-book sono quasi interamente ambientati in un futuro indefinito dove gli scacchi la faranno da padroni/Este título se debe a que casi todos mis e-books transcurren durante un indefinido porvenir, donde los dueños serán los ajedrez.

Send a $0.01 microtip in crypto to the author, and earn yourself as you read!

20% to author / 80% to me.
We pay the tips from our rewards pool.